‘Dove c’è il pericolo là c’è la salvezza’

Almeno così dice un aforisma tante volte ripreso dal buon Aldo Rock in radio. Ma se nel pericolo ci si trova poi veramente, nel posto esatto dove si vorrebbe essere, dopo aver lavorato ed essersi preparati per un anno intero, allora e solo allora capisci quanto siano vere quelle parole!

Durante la tempesta di neve (blizard), con venti a 100 km/h, con la rotta persa ed in balia dell’Artico, il pensiero che fosse il mio ultimo giorno mi è venuto in mente più di una volta, anche se non ho mai perso la lucidità e la voglia di guidare il mio destino e soprattutto arrivare ad un posto sicuro.

A detta dei locali non accadeva una tempesta del genere almeno da un decennio. Ci hanno creduto pazzi sapendo che eravamo là fuori nell’occhio del diavolo, con windchill a -60°C ed oltre. Percezioni stravolte, perdita di ogni riferimento; non sai se stai in piedi, da che parte sei girato, se stai ancora respirando, se sei sdraiato o in piedi.

Mentre a testa bassa rompevo il vento, con la maschera congelata e navigando in pieno whiteout, il pensiero non è mai stato “oggi ci lascio le penne”, piuttosto “cazzo che roba! Senti la natura come spinge, come vuole urlarci contro, ed io sono qui ad assistere a questo spettacolo. Sei un privilegiato Stefano”.

Ho pensato ad un mio carissimo amico che sta facendo delle cure pesanti per poter guarire, blindato in una camera di ospedale al caldo, sicuramente troppo caldo, come succede spesso negli ospedali; ho pensato che avrebbe dato una gamba per essere lì dove ero io. E mi sono sentito così maledettamente fortunato, così in pace in mezzo a quella furia meritevole di rispetto assoluto, che è stato uno dei giorni più belli della mia vita.

Il destino non si cambia, puoi però cambiare la prospettiva con cui guardarlo.Click To Tweet

Il destino non si cambia, puoi però cambiare la prospettiva con cui guardarlo. Ecco quello che vorrei dire, se potete capirmi, è che spesso la giusta prospettiva porta di conseguenza la scelta migliore da fare. Che dite troppo fumoso…? Forse ho preso troppo freddo. Ah Ah!

And now… Atacama Desert!!!

Arctic 1

 

Leave a Comment