Arctic2atacama with Ray Zahab, Stefano Gregoretti, Jenny Segger Mountain biking across Arctic from Qikitarjuaq & Auyuittuq National Park to Pangnirtung

Fat Bike in the Arctic!

 

Fatbike on Northwest Territory: preparation

Pubblicato da Stefano Gregoretti su Lunedì 23 gennaio 2017

 

Ecco un riassunto del video qui sopra.


Pedalare oltre il Circolo Polare Artico in inverno, senza assistenza, può essere un’esperienza unica e bellissima, ma solo se si hanno anche i materiali giusti e preparati per lo scopo, oltre all’allenamento necessario.

SISTEMA DI BORSE E DISTRIBUZIONE DEL CARICO

Esistono diverse soluzioni per portare il materiale. Una distribuzione ottimale dei pesi è fondamentale: circa il 60-70% dietro e il resto davanti per mantenere una buona condotta del mezzo. Cibo, benzina per i fornelli e tutti gli oggetti pesanti devono essere caricati nella parte più bassa della bici, per tenere il baricentro basso.

VESTIARIO

Caldo, traspirante e multistrato. Importantissimo l’intimo; dev’essere di estrema qualità per portare il sudore generato dall’attività fisica, verso gli strati più esterni. Scarponi non con le clip, ma scarponi da -70°C, perché non essendoci il sistema pompa tipico della corsa, i piedi sono subito soggetti al congelamento. Quindi prevedere calzature sovradimensionate e più larghe del solito per creare una camera d’aria. Anche le mani sono le prime a “partire”, quindi moffoloni inseriti dentro le famose poggies.

FAT BIKE

Pneumatici chiodati per i tratti sul ghiaccio e ottimizzazione continua della pressione (fino a 0.8 bar) perché la pressione è la chiave di un’ottima trazione. Si gioca tutto lì. La pompa non deve essere in plastica ma  in alluminio!
A tutti i mozzi e nel movimento centrale, deve essere cambiato il normale grasso a favore di un grasso artico particolare testato fino a -60°C. L’alternativa non esiste. Si rischia il bloccaggio della ruota libera e conseguentemente la sua rottura. Freni: lasciate a casa i costosi freni idraulici e sostituiteli con i più semplici freni meccanici con cavo metallico. Olio e freddo non vanno d’accordo nell’artico e risultano troppo complicati da riparare.
Allora buon viaggio, l’Artico vi regalerà il meglio della sua maestosità.


Ci risentiamo dal freddo, quello vero.

Stefano

Scopri di più sulla Arctic Extreme Expedition!
394 Condivisioni

Leave a Comment