Gregoretti Stefano Artico

Reaching the Arctic

Come immaginavo, il nome Arctic Extreme è riferito anche alla logistica!

Organizzare una spedizione è complicato, ma tre di seguito, con tutto il materiale da cambiare ecc, può diventare un incubo. I ritmi sono serrati e si spera sempre nel bel tempo; non dimentichiamoci che è inverno e le ore di luce sono pochissime. Ieri arriva la mail dalla guida del piccolissimo villaggio Inuit che ci doveva portare all’inizio del fiordo per la traversata di 250 -300 km del Torngat Park, (97,000 kmq di territorio inesplorato):

“ Non venite, le condizioni della pista per raggiungere il punto di partenza non sono praticabili. Solo roccia e ghiaccio. Venite a Marzo.”

Impossibile.

Dopo un pomeriggio passato al telefono con tutti i contatti, compreso anche un senatore canadese di origini Inuit, troviamo dei twin otters (bimotori a elica) che ci possono portare e far atterrare sul ghiaccio, ma i piloti sono a Montreal, perché d’inverno lì non si vola! Dopo l’ennesima telefonata, un Inuit dice che conosce un pilota con l’elicottero che può volare. Nove ore di elicottero contro tre gg di motoslitta per raggiungere il punto iniziale. Bene! Naturalmente prevedendo i rifornimenti di carburante in mezzo al nulla perché l’elicottero se no non ci arriva!

Tutti in Canada sono super disponibili e gentilissimi, soprattutto le comunità Inuit.

Altro piccolo problema. L’elicottero ci lascia sul fiordo di notte e non ci si può muovere con il buio: Polar Bears hunting area, dicono. Così si dormirà a turni… Pensate al Canada Artico come ad una regione per lo più inesplorata, molto più grande dell’Europa. Arrivare è già un’impresa. Il vero Wild, il vero punto bianco sulla mappa.

Ieri studiando 15 mappe della prima traversata, mi sono reso conto che dentro non esisteva neanche una costruzione umana, strada, teleferica, casa… Molto diverso dalle nostre mappe della Kompass completamente antropizzate.

Questo è quello che…step by step… we’re getting there!

Scopri di più sulla Arctic Extreme Expedition!

118 Condivisioni

Leave a Comment